Simboli del Friuli

La bandiera
L’antico stemma della Patria del Friuli è l’aquila araldica d’oro su campo azzurro. L’art. 2 della L.R. n. 6 del 27 marzo 2015 recita: “La bandiera della comunità friulana è formata da un drappo di forma rettangolare con al centro un'aquila araldica d'oro con ali spiegate, testa a sinistra, rostro aperto e artigli rossi, posto in campo azzurro. Lo stemma ha dimensioni pari a tre quinti dell'altezza della bandiera che a sua volta deve essere alta due terzi della sua lunghezza”. L’art. 3 della Legge regola la sua esposizione, con le seguenti norme: “In applicazione dell' articolo 6 della legge regionale 27/2001 , gli enti locali e gli uffici della Regione possono esporre all'esterno delle proprie sedi, in occasione della "Fieste de Patrie dal Friûl", la bandiera del Friuli”; “In sede di prima applicazione, l'Amministrazione regionale è autorizzata a fornire gratuitamente agli enti locali che ne facciano richiesta una bandiera del Friuli per esposizione esterna”.
L’esemplare più celebre e antico del vessillo patriarcale è esposto nel Duomo di Udine: esso fu cucito sul camice di lino bianco che avvolgeva il corpo del patriarca Bertrando di Saint Geniès, rimasto sulla cattedra di Aquileia dal 1334 al 1350 e barbaramente ucciso da una congiura di nobili friulani. L’antico vessillo tuttora costituisce la bandiera universalmente riconosciuta del Friuli. Non va confusa con la bandiera dell’istituzione puramente amministrativa denominata “Regione Friuli-Venezia Giulia”, che ha un’origine molto più recente (1963) e tutt’altro significato storico (sulla bandiera regionale, l’aquila rappresenta Roma che soccorre Aquileia, simboleggiata dalla torre sottostante).
Per le caratteristiche tecniche della bandiera ufficiale: www.arlef.it/it/risorse/bandiera/8
 
La lingua
Il friulano è una lingua neolatina del gruppo delle lingue ladine; essa si è formata attorno all’anno mille e ha mantenuto, nei secoli, una sua particolare originalità, che la rende ancora oggi molto diversa dall’italiano e dalle altre parlate delle terre confinanti.
I primi documenti in friulano risalgono ai secoli XII e XIII quando compaiono anche le prime composizioni poetiche; da allora, la produzione letteraria in friulano è cresciuta continuamente arrivando a risultati stilistici di ottimo livello.
Ad oggi, il friulano è parlato su oltre l’80% del territorio, da circa 600.000 – 650.000 persone in 176 comuni delle provincie di Gorizia, Pordenone e Udine e in 7 comuni della provincia di Venezia.
Il primo riconoscimento ufficiale della lingua friulana risale al 1996, quando è stata approvata la legge regionale 15/96; alcuni anni dopo anche lo Stato italiano riconoscerà, con la legge 482/99, la minoranza friulana, oltre 50 anni dopo l’approvazione dell’articolo 6 della Costituzione. La Regione, infine, ha approvato una nuova legge organica di tutela: la L.R. 29/2007.
 
Il Parlamento
Il Parlamento della Patria del Friuli nacque dalle assemblee consultive dei nobili e del clero, convocate dal Patriarca di Aquileia fin dal XII secolo per chiedere nuove contribuzioni in moneta e in uomini d’armi. Fin dai primi tempi, però, accanto ai nobili e agli ecclesiastici, sedevano anche i rappresentanti dei Comuni urbani che, per effetto dell’economia mercantile erano in grado di contribuire tangibilmente alle imposizioni in denaro. Le città di Aquileia, Cividale, Udine, Gemona, Tolmezzo e Sacile furono presenti sin dalle prime sedute del Parlamento, nel corso del XIII secolo. Fin dall’inizio, sedettero in assemblea, in rappresentanza del clero, il vescovo di Concordia, i capitoli (gruppi di canonici) di Aquileia e Cividale, gli abati di Rosazzo, Moggio e Sesto al Reghena, della Beligna (a sud di Aquileia) e, più tardi anche quello di Summaga (nei pressi di Portogruaro), i prepositi di San Felice e Santo Stefano d’Aquileia, di San Pietro di Carnia e Sant’Odorico. Avevano seggio in Parlamento anche i monasteri femminili di Santa Maria in Valle di Cividale e del Monastero Maggiore di Aquileia. I nobili erano divisi in liberi e ministeriali: i primi, come il conte di Gorizia, erano tali per volere dell’imperatore, i secondi per volontà del patriarca, per il quale svolgevano particolari funzioni ovvero ministeri. Alle comunità in precedenza citate, si aggiunsero poi quelle di Monfalcone, Marano, Portogruaro, Venzone, e le abitanze di Fagagna, Meduna, San Vito al Tagliamento e Caneva di Sacile. I lavori parlamentari si svolgevano in lingua friulana. Il patriarca rappresentava lo Stato feudale, ovvero il principatus Italiae et Imperii creato il 3 d’aprile del 1077 dall’imperatore Enrico IV; il Parlamento rappresentava l’universitas friulana presso il principe.
 
Per ulteriori approfondimenti sulla storia del Parlamento Friulano:
 
Il Parlamento friulano / Pier Silverio Leicht ; [a cura di Roberto Tirelli ; con la collaborazione della Deputazione di Storia Patria per il Friuli]. - Udine : Provincia di Udine, 1999. - 2 v. in 1 ; 25 cm. - (Collana del Friuli storico ; 1) Leicht, Pier Silverio,
Udine : Provincia di Udine, 1999
 
Atti delle assemblee costituzionali italiane dal Medio Evo al 1831. Serie 1., Stati generali e provinciali. Sezione 6., Parlamento friulano e Stati provinciali goriziani. - Bologna : Zanichelli
 
Rappresentanze e territori : parlamento friulano e istituzioni rappresentative territoriali nell'Europa moderna / a cura di Laura Casella. - Udine : Forum, 2003. - 502 p. ; 25 cm. - (Strumenti di storia del Friuli ; 1) Casella, Laura
Udine : Forum, 2003
 

Zire il to dispositîf

Ruota il tuo dispositivo

Rotate your device

Cheste pagjine no si pues viodi cun chest dispositîf

Pagina non disponibile per questo dispositivo

This page is not available on this device