Plurilinguismo e Minoranze in Europa

Sono circa 50 milioni di persone, intorno al 14% della popolazione europea, ad usare una lingua diversa da quella della maggioranza della popolazione statale. Un dato che indica proprio come la diversità linguistica e socio-culturale rappresenti per il nostro continente una ricchezza da non perdere e uno dei pilastri della costruzione democratica dell’Europa.
Il panorama europeo delle lingue e culture minoritarie, però, non è omogeneo a livello normativo. Vi sono, infatti, minoranze linguistiche che hanno raggiunto alti livelli di tutela (sia grazie a decisioni politiche che a forti pressioni popolari) e sono entrate già in una fase di modernizzazione e sviluppo che permette loro di far fronte alle sfide della società contemporanea. Esistono invece minoranze linguistiche che non trovano tutt’oggi un riconoscimento ufficiale e che subiscono una forte pressione da parte delle lingue dominanti.
Anche l’Italia è un paese ricco di minoranze linguistiche. L’articolo 6 della Costituzione italiana afferma che «la Repubblica tutela con apposite norme le minoranze linguistiche» ed è proprio con l’approvazione della legge 482/99 che tale principio costituzionale ha incominciato a ricevere piena attuazione. Le lingue minoritarie riconosciute in Italia sono: albanese, catalano, croato, francese, francoprovenzale, friulano, grecanico, ladino, occitano, sardo, sloveno, tedesco.

Zire il to dispositîf

Ruota il tuo dispositivo

Rotate your device

Cheste pagjine no si pues viodi cun chest dispositîf

Pagina non disponibile per questo dispositivo

This page is not available on this device