Grafia ufficiale
La grafia ufficiale della lingua friulana è stata adottata con il Decreto del Presidente della Giunta Regionale n. 392 del 25 ottobre 1996, sulla base della proposta di grafia approvata il 15 luglio del 1986 dal Consiglio della Provincia di Udine, d’intesa con le Province di Gorizia e Pordenone. Successivamente la grafia ufficiale è stata recepita dall’art. 13 della Legge regionale 15/96.
Con Decreto del Presidente della Giunta Regionale n.41 del 07 marzo 2013 è stato adottato il Regolamento per la grafia delle varianti della lingua friulana, vista la Generalità della Giunta regionale n. 2377 di data 28 dicembre 2012, pari oggetto.
Compito dell’ARLeF è “promuovere la conoscenza e l’uso della grafia ufficiale della lingua friulana in ogni ambito della vita sociale”.
Toponomastica
Le denominazioni toponimiche ufficiali in lingua friulana sono state approvate con Decreto del Presidente della Giunta Regionale n.16 del 13 febbraio 2014. L'elenco contiene sia le denominazioni in lingua friulana comune, sia quelle in varietà friulana locale. Nella definizione dei toponimi ufficiali si è tenuto conto dei pareri espressi dai Comuni interessati.
Normativa
Il corpus giuridico inerente al riconoscimento e alla tutela della lingua friulana è molto ampio e comprende trattati e documenti internazionali, leggi e atti normativi emanati dallo Stato e una lunga serie di leggi specifiche e provvedimenti adottati dalla Regione Autonoma Friuli-Venezia Giulia.
Si propone di seguito una scelta della principale normativa in vigore.