ZORNADE INTERNAZIONÂL DE LENGHE MARI 2018

La ARLeF (Agjenzie regjonâl pe lenghe furlane) e anticipe di cualchi dì lis celebrazions pe Zornade Internazionâl de Lenghe Mari. In dut il mont, di fat, la Zornade si celebre ai 21 di Fevrâr, ma la ARLeF, par dâ ocasions di confront su la diversitât linguistiche a un public plui larc, sabide ai 17 di Fevrâr e à decidût di organizâ une serade dedicade ae lenghe furlane e ae ricjece des sôs varietâts, ancje intes produzions artistichis.
 
L'event al varà tant che so cûr la musiche, lis peraulis, i suns e lis vôs de lenghe e al previôt, tant che event principâl, il conciert di Franco Giordani. Il cjantautôr furlan si esibirà (cun jentrade gratuite), aes 21.00, alì dal Teatri San Giorgio di Udin, proponint lis cjançons che a son soredut tocs dal so ultin lavôr musicâl: Truòisparìs. Un lavôr complès, coragjôs e impegnatîf che nus puarte, traviers di un reticul di “trois sparîts” (al è propit chest, di fat, il significât dal titul) intal cûr dal Cjanâl de Ciline, che lui stes al presente tant che “tiere di mont, di aghis, di poetis e scritôrs”. Giordani al met in musiche i tescj di Federico Tavan, di Giuseppe Malattia, di Mauro Corona e di Andrea Nicoli; al conte il cuotidian, i cjantons di vite e lis piçulis robis, lis vicendis di personaçs tant che Bepi Manarin, ma ancje i events tragjics tant che chel dal Vaiont. Tra lis cjançons e merete une citazion Revelli, omaç speciâl a Ruggiero Grava, zuiadôr dal Turin: une vicende plene di emozions, une storie di emigrazion e di riscat, che si è concludude in maniere tragjiche intal moment plui alt, ai 4 di Mai dal '49 cu la tragjedie di Superga.
Un percors origjinâl e potent intiessût par mieç di un lengaç une vore “sonôr” che al dopre variantis fuartis puartant il scoltadôr, cuasi par man, tra Andreis, Claut, Barcis, Nert e Cjas e Cimolais.
A acompagnâ Giordani, te esibizion udinese, a saran i musiciscj: Massimo Gatti al mandulin, Icaro Gatti al liron e Elvis Fior ae batarie.
 
Cemût che si à dit, protagoniste de serade e sarà la lenghe furlane cu lis sôs tantis variantis e i siei tancj aspiets. L'intindiment, di fat, al è ancje chel di ufrî une serie di argoments par rifleti su la ricjece de marilenghe. Cemût convivino varietâts locâls e lenghe standard? In ce maniere une e insiore chê altre? Ce significât aial cressi cun plui lenghis?
Tra lis riflessions presentadis prime dal conciert, dopo chês di Federica Angeli, cjargnele doc che e lavore tant che operadore linguistiche professionâl movintsi cence problemis tra cjargnel e coinè, o scoltarìn ancje la testemoneance preziose dal poete e scritôr Maurizio Mattiuzza. Mattiuzza, doprant cu la stesse abilitât il furlan dongje dal talian e dal dialet de Valsugana, che i è stât trasmetût de mari, al è deventât une des personalitâts plui significativis de leterature furlane contemporanie, vincidôr di impuartants premis di poesie, tant che l'“InediTO – Premio Colline di Torino”, intal 2014, e l'“Alda Merini” intal 2017.
 
La Zornade Internazionâl de Lenghe Mari, e je stade istituide intal 1999 de Unesco, par promovi la diversitât linguistiche e culturâl e il multilinguisim. E ven celebrade in dut il mont a ricuart di un episodi dramatic sucedût ai 21 di Fevrâr dal 1952, cuant che cuatri students bengalês de Universitât di Dacca (e altris si zontarin intai dîs seguitîfs), a son stâts copâts par man de polizie di chel che alore al jere il Pakistan orientâl, intant che a rivendicavin la uficialitât de lôr lenghe, il bengali.

Discjame il volantin

Zire il to dispositîf

Ruota il tuo dispositivo

Rotate your device

Cheste pagjine no si pues viodi cun chest dispositîf

Pagina non disponibile per questo dispositivo

This page is not available on this device